L’equilibrio fra fare ed Essere

L’equilibrio fra fare ed Essere

Costellazioni familiari Milano

Coaching Spirituale

Lo stress è una condizione comune nell’essere umano occidentale. Spesso le persone si sentono stressate e vivono situazioni di forte pressione emotiva, pur non comprendendone le ragioni.

Spesso lo stress viene attribuito alla vita e ai suoi accadimenti, ovvero a tutte quelle situazioni che generano tensione: il lavoro, la gestione di alcune relazioni affettive, le condizioni sociali e politiche, a volte la salute.

Più in generale, ciò che accade crea in noi uno stato di ansia che produce stress.

Ne consegue che per molte persone lo stress è percepito come una sorta di condanna dinanzi alla quale nulla si può fare. Si ritiene infatti che a parte qualche lezione di yoga e qualche esercizio di respirazione nulla si possa mettere in atto per arginare le conseguenze nefaste che una vita stressante genera in noi.

Ma davvero non possiamo fare nulla di concreto per vivere senza stress?

In realtà possiamo fare moltissimo. Lo stress infatti si genera quando ci perdiamo, ovvero quando perdiamo la connessione con noi stessi.

Infatti la tipologia di esistenza che la maggior parte di noi conduce ci porta ad essere continuamente proiettati verso l’esterno, verso il mondo che ci fagocita inducendoci a dimenticarci di noi e facendoci percepire come in balia dei fatti.

In parole semplici, siamo continuamente impegnati a fare qualcosa, a risolvere qualche problema, a rispondere alle necessità di qualcuno e corriamo tutto il giorno. E così facendo disperdiamo  moltissima energia per dimostrare di essere all’altezza delle aspettative sia nostre che altrui.

Inoltre questo modo di vivere genera una continua tensione verso il futuro e ci porta via dal presente.

Infatti, pur essendo vero che avere un buon rapporto con il concetto di futuro è importante per vivere bene, esso deve esistere in noi come tensione positiva e propositiva verso azioni sane e produttive, non come un’illusoria oasi di felicità che possa salvarci da un presente che non ci permette di stare bene e di essere felici.

E’ molto importante aver chiara questa distinzione.

Quando siamo stressati e perennemente di corsa non possiamo che protenderci verso un futuro ipotetico nel quale avremo adempiuto a tutti i nostri doveri e soddisfatto le aspettative, liberandoci da un presente che non ci soddisfa per niente.

In altre parole non siamo capaci di essere nel momento presente e di goderci ciò che c’è.

Eppure questo modus vivendi ci consuma, perché ci fa dimenticare chi siamo veramente e che il nostro essere non si esaurisce in ciò che facciamo.

Questo concetto può sembrare astratto ed invece è molto concreto.

Vediamo perché.

L’equilibrio fra fare ed essere è realmente possibile? In che modo?

Certo che è possibile. Semplicemente ogni tanto dobbiamo ricordarci qualcosa che altre culture conoscono molto bene e che noi occidentali invece dimentichiamo spesso: smettere di fare.

Non smettere per sempre, né per lunghi periodi. Eppure è importante trovare momenti in cui stare con se stessi senza fare nulla. E questo non significa che dobbiamo riposare o dedicarci ad attività rilassanti. Tutto ciò è fondamentale ma non è ciò di cui stiamo parlando adesso.

E’ necessario trovare alcuni momenti in cui sottrarsi ad ogni azione, che sia anche guardare il cellulare o una serie tv o addirittura pensare.

Dobbiamo imparare a trovare del tempo, libero da ogni azione, in cui semplicemente sostare nell’essere.

Equilibrio fra fare ed essere: che cosa significa sostare nell’essere?

Sostare nell’essere significa smettere di correre e di essere sempre impegnati in qualcosa, sempre prestazionali. Significa dunque ricordarci che al di là delle azioni ci siamo noi, nella nostra dimensione spirituale. Dunque proviamo a sederci comodi e ad allontanare da noi ogni dispositivo fra cui cellulari e pc. Immergiamoci nel nostro respiro e cerchiamo anche se solo per pochi istanti di smettere di pensare.

I primi tentativi potrebbero risultare fallimentari. Forse non riusciamo a stare fermi, oppure qualcuno ci chiama o suona il telefono oppure semplicemente non smettiamo un attimo di pensare a tutto quello che dovremo fare quando ci saremo alzati.

Non importa, varrà la pena ritentare in un secondo momento e possiamo essere certi che prima o poi faremo esperienza dell’essere e ci accorgeremo che siamo capaci di star seduti senza nulla fare, senza alcuna aspettativa.

Non dobbiamo meditare, né seguire qualche visualizzazione guidata, né respirare attraverso una particolare tecnica.

Dobbiamo semplicemente stare con noi stessi, in assenza di azioni e di pensieri.

E in breve si apriranno per noi attimi di incredibile pace e consapevolezza grazie ai quali potremo percepire la presenza del nostro essere al di là delle azioni e dell’ansia di agire bene e in maniera prestazionale. Dunque il nostro essere al di là di ogni stress.

Equilibrio fra fare ed essere: come raggiungerlo

Quando scopriremo la bellezza dello stare con noi stessi, in totale assenza di pensieri ed azioni ci renderemo conto che dentro di noi esiste un nucleo di pace e gioia infiniti e che noi siamo quella pace immensa e quella gioia infinita. Impareremo ad ascoltare quella vibrazione interiore piacevolmente luminosa che è la nostra vera essenza e che non possiamo descrivere attraverso parole e pensieri ma solo percepire.

Eppure, poi dovremo riprendere le nostre azioni quotidiane. Ci sarà infatti un momento in cui dovremo alzarci e ricominciare le nostre attività. Eppure, l’equilibrio fra fare ed essere si raggiunge quando iniziamo a ricordarci di noi anche mentre facciamo qualcosa.

Compiamo un’azione ma siamo presenti e connessi a quell’oasi interiore di pace e gioia che è la nostra essenza e dunque l’ansia da prestazione non ci rapisce. Siamo perfettamente presenti all’azione e al momento presente, perfettamente connessi a noi stessi e liberi da ogni forma di aspettativa e stress.

Chiaramente vivere in totale connessione con sé e in perfetto equilibrio fra il fare e l’essere è un meraviglioso traguardo, ma praticando la presenza tutti possiamo arrivarci, tutti possiamo essere mentre facciamo.

E ci accorgeremo strada facendo di quanto la nostra vita diventi meravigliosa.

Se ti interessa questo argomento seguici sul nostro canale youtube, dove troverai molte altre riflessioni utili al tuo percorso! 

Costellazioni familiari Milano

Coaching Spirituale

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *